Flight of the Conchords: what the folk!

Mangia. Dormi. Fai folk.




Immaginate la Nuova Zelanda,









terra brumosa a Sud-Est dell 'Australia e location impagabile per la trilogia del Signore degli Anelli di Peter Jackson.
Ora immaginate non giocatori di rugby,
uccelli appiedati o frutti pelosetti dalla polpa verde, o temibili tatuaggi Maori sulla faccia,
o il film Lezioni di Piano con
Harvey Keitel decorato con i suddetti tatuaggi.
Tutte cose che vengono in mente a noi italiani quando si parla appunto della Nuova Zelanda (c'è anche un romanzo erotico dal titolo Crudele Zelanda , ma è un'altra faccenda). Immaginate due giovani signori,


il primo (Jemaine Clement)
una versione un po' tarchiata e Maori di Jeff Goldblum,




il secondo (Bret McKenzie) con i riccioli bruni, la barba e i lineamenti
delicati di un elfo (infatti da ragazzo è comparso per tre secondi nel Signore degli Anelli, nel ruolo dell'elfo Figwit). Immaginate ora un duo acustico a metà strada fra Simon & Garfunkel ed Elio e le Storie Tese.
Immaginate infine una serie televisiva sulle disavventure newyorchesi di un duo acustico neozelandese alla ricerca del successo.
Quando avrete finito di immaginare, avrete ottenuto i Flight of the Conchords.

Bret e Jemaine erano compagni di stanza alla Victoria University di Wellington (Nuova Zelanda), dove hanno studiato cinema e teatro. Amavano comporre canzoni "serie", ma come Molière da giovane non veniva preso sul serio come attore tragico (indicandogli così la strada per la Commedia), così i neo FotC non venivano presi sul serio come cantautori "seri". Ogni canzone sembrava agli orecchi del pubblico una parodia.

Decisero così di dedicarsi al genere comico; questo aggettivo però non tragga in inganno, dato che le loro canzoni sono scritte ed arrangiate in modo impareggiabile, e sono la colonna sonora della serie televisiva sulla rete HBO, andata in onda negli USA nel 2007 (ora la trasmettono anche sulla BBC4 inglese).


Gli episodi di The Flight of the Conchords comprendono tra gli altri personaggi Murray, pomposo addetto culturale al Consolato della Nuova Zelanda (interpretato da Rhys Darby) e loro inetto manager, e Mel, (Kristen Schaal), casalinga sposata, unica fan e persecutrice del duo. Le canzoni entrano come supporto narrativo alle storie, oppure come monologo interiore dei protagonisti, una tecnica ben sperimentata da film come Sogni Proibiti (The Secret Life of Walter Mitty,1947),con Danny Kaye o Billy il bugiardo (Billy Liar,1963) con Tom Courtenay. Vediamo così i due sfigati Kiwi in trasferta diventare veri e propri eroi pop - i video sono girati parodiando perfettamente i vezzi registici degli originali, pellicola compresa -.
Ora i FotC (quelli veri) sono un duo acustico di successo, con tantissimi fans in mezzo mondo anglofono, ma hanno deciso recentemente -e saggiamente- di fermare le loro buffe storie alla seconda serie.
Si possono dare vari esempi dell'arte dei FotC; uno dei pezzi più famosi è Business Time e si trova nella prima serie, episodio n° 5.
Jemaine fantastica su una sua eventuale vita coniugale con la sua ragazza, Sally, che è da poco ritornata da lui. Il pezzo è in puro stile soul anni '70 con tanto di recitato alla Barry White:

Oh Yeah
Girl, Tonight we're gonna make love
You know how I know?
Because it's Wednesday
And Wednesday night is the night that we usually make love

solo che la situazione descritta da Jemaine è molto meno romantica:

Tuesday night is the night that we usually go to your mother's place and I teach her how to use the video machine again
But Wednesday night is the night that we make love

Se il martedì sera i due coniugi devono andare dalla di lei madre - notare il particolare di lui che deve insegnare per l'ennesima volta alla suocera come si adopera il lettore video - il mercoledì sera è la notte in cui adempiranno finalmente ai doveri coniugali.

When everything is just right
You're not too tired from your afterwork social netball team practice
There's nothing good on TV.
Mmmmm...Conditions are perfect for making love.
You turn to me and say something sexy like, "I might go to bed. I've got work in the morning."
I know what you're trying to say, baby.
You're trying to say "Aww, yeah. It's business time."

Tonight's the Night, direbbe Rod Stewart. Non c'è niente alla TV, lei non è troppo stanca per gli allenamenti di pallacanestro femminile dopo il lavoro, - attività tipica da matrimonio avanzato in fase di noia acuta - e dirà una frase promettente come "Forse dovrei andare a letto. Ho del lavoro da sbrigare la mattina." Il marito invece pensa si tratti di un invito, che lei in realtà gli voglia comunicare: "Aaah sììì, è l'ora del business". Di quale business si tratti lui lo sa bene:

The next thing you know we're in the bathroom brushing our teeth
That's all part of it, that's foreplay.
Foreplay is very important in love making
Then you go sort out the recycling
Which isn't part of the foreplay, but it's still very important
That's not foreplay, but it's still very important.

I preliminari sono importanti nel business, come lavarsi i denti, afferma serio Jemaine, come pure fare la raccolta differenziata, che non fa parte dei preliminari ma che è importante lo stesso! Ora si arriva alla roba forte (non fate leggere questa parte ai minori di 45 anni!)

Then next thing you know we're in the bedroom
You're wearin' that same old ugly, baggy T-shirt with a stain on it that you got from that team-building exercise you did for your old work several years ago
"Team Building Exercise '99".
I take off my clothes
But I trip over my jeans 'cause I'm still wearing my shoes
But it's okay because I turn it all into a sexy dance.

I due sono in camera da letto. Ci siamo. Lei indossa, no, non un banale perizoma di pizzo nero, ma una maglietta slonzata e impataccata premio delle Attività Ludiche per la Coesione Aziendale a cui ha partecipato nel '99. Ribadisce lui con un rantolo che rivela la sua Bestia sessuale:

"Team Building Exercise '99".

Ahh, quelle Attività Ludiche per la Coesione Aziendale del '99! A quel pensiero lui si toglie di corsa i vestiti, ma inciampa nei jeans perchè ha ancora le scarpe addosso. Ma, come in un vecchio film con Peter Sellers, tutto questo non importa perchè sa come trasformare l'imbarazzo in una danza erotica. Alla fine rimane con soltanto i calzini (socks) addosso, ecco perchè si dice business socks! (Gioco di parole intraducibile fra socks e sucks , "fa schifo"). Finalmente si arriva al dunque!

Making love
Making love for
Makin love for two
Making love for two minutes
When it's with me, you only need two minutes, girl
'Cause I'm so intense
Two minutes in heaven is better than one minute in heaven
You turn to me and say something sexy like, "Is that it?"
I know what you're trying to say, girl
You're trying to say, "Aw yeah, that's it"
And then you tell me you want some more
Well, uh...I'm not surprised
But I am quite sleepy

Fanno l'amore in due. Minuti. Con Jemaine ne occorrono solo due, di minuti, perchè è così INTENSO! E poi due minuti in paradiso sono sempre meglio di uno solo (la media stagionale),
Lei gli fa "E' tutto qui?", ma, si sa, quello che vuole dire veramente è "Ahh sììì, c'è tutto,
qui!" e poi ne vuole ancora. Lui non si meraviglia.
Solo che si è addormentato.

Business hours are over, Baby

L'ora del business è finita. Andate in pace.

Ecco un estratto dal quinto episodio della prima serie contenente la canzone (attenzione, Jemaine rimane sul serio coi soli calzini addosso!)


Qui c'è una bellissima versione live di qualche anno fa:


Non si devono dimenticare altri momenti-parodia. Ecco ad esempio (episodio 10, prima serie) la perfetta canzone psichedelica, con tanto di movimenti di camera a ritroso alla fine (Ramashalanka lanka ravi shanka lalalalalalallalalala) :


E che dire di David Bowie (periodo Ziggy Stardust) - Episodio 6, prima serie -?


Il momento più delirante è però quello di Faux De Fa Fa,(episodio 8, prima serie), tentativo di parlare con due commesse di una panetteria che si traduce in una lezione di francese per principianti (Gerard Dépardieu! Ah-ah! Baguette!). Ammirate la pellicola spuntinata - troppe proiezioni in classe - e i completini impressionisti di Bret e Jemaine:



Insomma, con i Flight of the Conchords c'è veramente da divertirsi, e peccato che le due serie non siano ancora arrivate in Italia!

2 commenti:

insveziasottounponte ha detto...

In realtà ti devo ancora ringraziare per avermeli fatti conoscere!
Nonostante sapessi dell'esistenza della serie non mi ero mai fermata a guardare/ascoltare con attenzione. Rischiavo di perdermi parecchio! :)

Tamcra ha detto...

Questo è il mio video preferito dei FotC,quello in cui vorrebbero intrattenere congresso carnale con TUTTE le donne, comprese le "Ladymen" e le Presbiteriane:

http://www.youtube.com/watch?v=hFjrbmj0CUc

(non dimentichiamo che Jemaine Clement è la voce originale del perfido cacatua Nigel di Rio ):

http://pangrattato.blogspot.com/2011/05/not-cool-man-scary-but-not-cool_29.html